Stampa
Guido Sgardoli

Cosa succede quando a intervistare i loro autori preferiti sono due lettori di sei anni? Da oggi inauguriamo la rubrica “La baby-intervista”: pronti a curiosare tra le domande di Cecilia e Giosuè?

Un amore a prima pagina

Fifona, sovrappeso e dormigliona. Cipollina è un felino un po’ particolare. Agilità ed eleganza non fanno per lei. Difficile credere che una gatta così possa trasformarsi nella supereroina di Via del rosmarino.

Per inaugurare la rubrica di Libermanet Cecilia intervista Guido Sgardoli, l’autore dei libri di Supergatta pubblicati da Lapis edizioni. Lei adora i gatti e da grande vorrebbe fare la veterinaria. Che dire? Con Cipollina è stato amore a prima pagina e non ha avuto alcuna esitazione sullo scrittore da cui iniziare.

Ovviamente nell’intervista non si farà alcun riferimento al Premio Andersen di cui Sgardoli è stato vincitore nel 2009 o al Premio Strega Ragazze e Ragazzi che si è aggiudicato nel 2019 con “The Stone” nella categoria 11+  (giusto per ricordarne un paio). Né tantomeno verrà citata la sua ricca bibliografia. La priorità, qui, è conoscere meglio Supergatta. È lei o no, dopo tutto, la vera supereroina?

Prima di fare lo scrittore eri veterinario. Come mai hai cambiato lavoro? Non curi più gli animali?

Ho fatto il veterinario per più di vent’anni prima di dedicarmi completamente alla scrittura. Ora non curo più gli animali, a parte la mia gattona Scout. In realtà non sono mai stato un veterinario con la passione della scrittura, ma uno scrittore con la passione per gli animali. Che è diverso.

Come è nata l’idea di Supergatta?

Semplicemente osservando la mia gatta cicciona, Scout, alle prese con farfalline e lucertole in giardino. Mi sono detto: «E se Scout fingesse di essere così imbranata, nascondendo invece un’indole audace, da supereroina?».

Con la mamma ho letto che le illustrazioni dei libri di Supergatta sono realizzate da Enrico Lorenzi. Quando hai visto per la prima volta il disegno della tua supereroina ti è piaciuto? Te la immaginavi così?

Me la immaginavo proprio così, perché Enrico ha potuto utilizzare le foto che gli avevo mandato di Scout. Quindi Cipollina è esattamente uguale a Scout.

Nei libri di Supergatta ci sono sempre tanti personaggi diversi. Li inventi tu o prendi spunto da persone che conosci?

Molti di loro (come la signora Antonia, il Generale, i Moretti) sono in realtà i miei vicini di casa! E tutte le storie di Supergatta si ambientano nel mio tranquillo quartiere.

Io ho una gatta che si chiama Samba ed è tutta nera. Tu hai degli animali?

Avevo anche un’altra gatta, Freccia, protagonista di una serie di libri e di un breve romanzo che si intitola “Due per uno”. Lei era un vero felino, elegante, regale e letale quando si trattava di dare la caccia a piccoli topolini o serpentelli. Ora però è morta (era molto vecchia) e mi è rimasta quella fifona di Scout.

Supergatta avrà mai un fidanzato?

Chi lo sa? È una bella idea!

Ogni volta che leggo una sua storia mi chiedo sempre una cosa: ma quanti anni ha Supergatta? Io ne ho compiuti sei a settembre e ho appena iniziato la scuola primaria.

Gli anni di un gatto non si misurano come quelli di un uomo. A me, però, piace pensare che lei resti sempre un’eterna bambinona!

Un grazie a Guido Sgardoli e ad Agnese Ermacora di Lapis edizioni per la disponibilità.

 

Per preparare la baby-intervista Cecilia ha letto:

Guido Sgardoli (testo) – Enrico Lorenzi (illustrazioni)
Arriva Supergatta!
Lapis edizioni, 2018
pp. 28, 6 euro

Guido Sgardoli (testo) – Enrico Lorenzi (illustrazioni)
La trappola di Peppo
Lapis edizioni, 2019
pp. 36, 6 euro

Guido Sgardoli (testo) – Enrico Lorenzi (illustrazioni)
Che scompiglio, Supergatta!
Lapis edizioni, 2019
pp. 36, 6 euro